Home page » Notizie » News » Gli itinerari del Parco di Porto Conte: Alghero in bici in un giorno




Gli itinerari del Parco di Porto Conte: Alghero in bici in un giorno

News | 5 maggio 2019

Se la vostra vacanza è attiva, dinamica, ecologica e a impatto zero, allora il modo migliore per scoprire il territorio del Parco naturale regionale di Porto Conte è la bicicletta. In questo tour, ideale da svolgere in un giorno, conoscerete la storia, la natura e lo spirito di quest’angolo di Sardegna e vivrete emozioni indimenticabili in sintonia con l’ambiente. Una delle aziende con “Bollino di qualità ambientale” della Rete dei Parchi e delle Aree Protette, che vi consigliamo per il noleggio della vostra bicicletta, è il Rent a Bike Raggi di Sardegna (Via Majorca, 119, Alghero, tel. +39 334 3052 480).


Dirigetevi verso l’area del Parco di Porto Conte e percorrete la pista ciclabile presente davanti a voi per circa 10 km. Attraverserete spiagge, pinete, lagune: paesaggi di incomparabile bellezza e ecosistemi di rilevanza internazionale che ospitano un’elevata diversità biologica. Qui l’uomo da sempre convive con la natura circostante, rispettandola e tutelandola: sapevate che la presenza umana nel territorio del Parco è attestata già dal neolitico antico? Infatti, all’interno della famosa Grotta Verde, accessibile solo agli speleologi, la cui enorme apertura è ben visibile sul promontorio di Capo Caccia, sono stati ritrovati enigmatici graffiti, resti fossili umani e bellissimi vasi in ceramica incisi, risalenti a 8000 anni fa. Più “recente”, si fa per dire, è la prima tappa di questo itinerario: il grande complesso nuragico di Palmavera, gestito dalla cooperativa SILT, che svolge le visite guidate. L’insediamento, risalente a quasi 4000 anni fa, è composto da un villaggio di 50 capanne circolari e da un grande nuraghe “complesso", ossia composto da diverse torri unite tra loro, la cui principale è alta ben 8 metri e ha un diametro di 9. Si tratta di complesso megalitico enorme, utilizzato fra il 1500 e l’800 a. C. circa, realizzato esclusivamente con l’impiego di calcare e arenaria, senza malte e collanti. Un luogo tutto da scoprire e ancora immerso nel mistero: infatti, vanta la capanna delle riunioni più grande della Sardegna e questo testimonia come fosse un sito tra i più importanti dell’isola.


Dopo questa visita così appassionante è d’obbligo una sosta per rigenerarsi: a 1,5 km, in località Le Bombarde, a pochi metri dall’omonima e bellissima spiaggia bianca, sorge il Bicycle Cafè. Qui, in un’area verde attrezzata dedicata agli amanti della bicicletta, dagli sportivi alle famiglie con bambini, potrete rifocillarvi con una bibita, gustare uno spuntino, leggere un libro, riservare un barbecue e tanto altro.


L’ultima tappa di questo breve itinerario vi permetterà di immergervi totalmente nella natura incontaminata del Parco: andiamo alla scoperta dei sentieri di Punta Giglio. Si tratta di 5 percorsi da fare in bicicletta o a piedi, che si distinguono per lunghezza, durata e tipologia, ma tutti regalano paesaggi incontaminati, intensi profumi e scenari indimenticabili. Ogni sentiero è corredato da pannelli informativi con foto, testi multilingua e lastra braille, in cui acquisire informazioni sulla penisola di Punta Giglio, luogo di cui s’innamorò follemente anche l’autore de “Il Piccolo Principe”, Antoine de Saint-Exupéry. Scoprirete così i segreti della macchia mediterranea, del caratteristico paesaggio a "gariga" e delle tantissime specie forestali presenti. Conoscerete la fauna selvatica e, con un po’ di fortuna, vedrete volpi, daini, cinghiali, tartarughe e una miriade di uccelli. Potrete poi approfondire gli aspetti geomorfologici di questo luogo caratterizzato da alte falesie a picco sul mare, e scoprire l’interessante storia dell’ex Batteria "Sr. 413", dei suoi fortini diroccati e le vicende belliche che interessarono il promontorio di Punta Giglio durante la Seconda Guerra Mondiale.


Un percorso dedicato a chi intende la vacanza come un momento di scoperta e di crescita, per conoscere luoghi, storie e meraviglie che arricchiscono il viaggiatore.


Progetto realizzato grazie al fondo europeo di sviluppo regionale INTERREG - CIEVP.



Download

Nessun file scaricabile per questo articolo.

Videoclip

Nessun video disponibile per questo articolo.

Maggiori info su

Il Marchio del Parco

Bandiera Unione Europea Stemma della Regione Autonoma della Sardegna Stemma della Città di Alghero Logo Ministero dell'Ambiente Logo Federparchi
EMAS